Home Affitti Amministrazione Chi siamo
Amministratore condominio


Termovalvole, ecco cosa rischia chi non è in regola in vista dell’accensione del riscaldamento


Quando si accende il riscaldamento centralizzato?

"il decreto del presidente della Repubblica numero 412 del 26 agosto 1993 stabilisce che gli impianti possano essere attivati per 14 ore al giorno dal 15 ottobre al 15 aprile. Nei mesi restanti, senza alcun bisogno di deroga da parte del Comune, il responsabile degli impianti di ogni stabile in città può deciderne l'accensione, in caso di particolari condizioni climatiche, per un tempo massimo di sette ore giornaliere. L'ordinanza del sindaco serve esclusivamente per estendere, in caso di condizioni atmosferiche particolarmente avverse, il periodo di accensione a pieno regime (14 ore)"



Il parcheggio dell’autovettura in modo da ostruire il passaggio configura il delito
​​​​​​​di violenza privata




Termovalvole obbligatorie: la sentenza della Cassazione


Il decreto Milleproroghe ha spostato al 30 giugno 2017 il temine per installare le termovalvole e adeguare, così, gli impianti centralizzati alla direttiva europea (2012/27/Ue e norma tecnica Uni 10200).

Tuttavia, durante le assemblee di condominio è emerso un quesito: se un condominio non volesse aderire a questo obbligo, distaccandosi dall’impianto termico comune? La risposta la troviamo nella sentenza n.23756 del 2016 – ripresa in un articolo di oggi del “Sole 24 ore” - attraverso la quale la Corte di Cassazione afferma che il condominio è sempre obbligato a pagare le spese di conservazione dell’impianto di riscaldamento anche quando è esonerato dall’uso di quello centralizzato.

Inoltre il conduttore dovrà continuare a pagare anche nel caso in cui dimostri che dal distacco non derivino né un aggravio di gestione o un suo squilibrio termico: in questo caso sarà esonerato soltanto dall’obbligo delle spese occorrenti per il suo uso. Dovrà quindi contribuire alle spese occorrenti per la sostituzione della caldaia in quanto “l’impianto centralizzato costituisce un accessorio di proprietà comune, al quale i predetti potranno comunque allacciare la propria unità immobiliare”, si legge nella sentenza.

Pertanto la Corte sostiene che il diritto all’esonero dalle spese di gestione per il condominio che si è munito di impianto termico autonomo non può basarsi unicamente su un’attestazione rilasciata da un tecnico specializzato, priva di adeguata prova dell’inesistenza dello squilibrio termico con i restanti appartamenti.

 sentenza n.23756/2016 della Corte di Cassazione

UFFICIO STAMPA ANAPI


Valvole termostatiche obbligatorie entro il 31/12/2016

Comprendiamo meglio quando costa adeguarsi alla scadenza del 31.12.2016.

L’esempio giunto da una simulazione proposta dal Sole 24 ore lo scorso anno, ha dimostrato rapidamente come in un appartamento di soli 80 metri quadrati con l’installazione di 6 radiatori,  necessiti di un costo medio di circa 1.055 euro (già scontato del 65% grazie alla formula ecobonus) per l’adeguamento e quindi l’installazione delle valvole termostatiche e delle pompe di circolazione dell’impianto condominiale, trasformando la portata fissa in variabile. Oltre a tale stima, gli stessi amministratori di condominio e gli stessi proprietari dovranno rivedere i sistemi di ripartizione di spesa su cui si basavano i vecchi conteggi e ristabilirne dei nuovi con tabelle che indicheranno i consumi rilevati dai contatori in ogni singola abitazione. 


Così come per le altre utenze, anche per il riscaldamento centralizzato esisteranno le dispersioni ed i costi comuni che andranno suddivisi tra gli stessi condomini, solo in una minima parte con i millesimi di proprietà.

Questi i principali dettagli dell’obbligo delle valvole termostatiche in condominio. Legislazione alla quale tutti dovranno farsi trovare preparati a partire dalla fine del 2016 ed evitare l’eventualità di incorrere in sanzioni comprese, a seconda delle disposizioni adottate dalle Regioni. Una normativa che mira al  risparmio economico ed energetico ma che allo stato attuale infonde dubbi e perplessità.

A cura di Maria Sancilio 

Addetto  Stampa ANAPI 

Home
Affitti
Amministrazione
Chi siamo
Attestati
Privacy
accedi al tuo condominio
Preventivo
Notizie utili
 


 
Site Map